Tel. +41 58 465 73 44 | fnoffice@nb.admin.ch

Logo FN

IncontriJazz in Fonoteca

IncontriJazz (2004-2008)

Jazz in Ticino

Quattro pomeriggi strettamente legati allo scopo d'IncontriJazz, quello di sistemare nella microstoria musicale della Svizzera italiana gli iniziatori della musica improvvisata di stampo afroamericano a sud delle Alpi e le associazioni fondate per divulgarla.

Giorgio Pic Fontana, chitarrista; Tito Pescia, pianista; Ugo Gus Moser, contrabbassista, L'avventura del jazz nel Ticino degli anni Cinquanta, giovedì 19 febbraio 2004.

da sin.: Giorgio Pic Fontana, Ugo Gus Moser, (coperto) Peppino Ceresa, Aldo Sandmeier, Fabio Bonetti, Tito Pescia   da sin.: Sandro Domeniconi, Giorgio Pic Fontana, Ugo Gus Moser, Peppino Ceresa, Aldo Sandmeier, Fabio Bonetti, Tito Pescia; per gentile concessione di Annick Romanski, fotografa

Abbiamo incontrato tre pionieri del jazz ticinese proprio nell'edificio inaugurato nel 1938: coi loro racconti si sono anche ascoltati brani musicali registrati nei vecchi studi di Radio Monte Ceneri.

Agli invitati si sono aggiunti il pianista Fabio Bonetti e il batterista Sandro Domeniconi.

Flavio Ambrosetti con altri fondatori: Il Circolo del jazz di Lugano (1961-69),
martedì 19 settembre 2006, sala teatrale, nuovostudiofoce, Lugano.

Troviamo il nome del sassofonista luganese Flavio Ambrosetti (*1919) in tutte le enciclopedie del jazz soprattutto come pioniere del bebop nell'Europa dei primi anni Cinquanta. La Svizzera italiana non lo vanta solamente come il suo maggior rappresentante della musica di origine afro-americana. Infatti la sua presenza non si limita alle esecuzioni in concerti e registrazioni. Come divulgatore ha curato trasmissioni alla nostra Radio dal 1949 al 1968, mentre la sua attività di organizzatore è legata al Circolo del jazz di Lugano, sorto per sua iniziativa nel 1961. E' in quest'ultima veste che IncontriJazz l'ha ospitato con altri fondatori del sodalizio che nel 1962 lanciò il primo festival internazionale del jazz in Svizzera, una rassegna che s'illustrò per l'alta qualità delle orchestre e dei musicisti giunti al Teatro Apollo di Lugano.

Con Flavio Ambrosetti e Aldo Sandmeier presenti i fondatori Giorgio Dodo Bassi, Giorgio Pic Fontana, Fabio Fumagalli, Ugo Gus Moser, Fulvio Passardi.
Dalle 20, all'Olimpia, in Piazza Riforma, cena e poi jam session con Bruno Spoerri, Hans Foletti, Gianluca Ambrosetti, Tito Pescia, Simon Quinn, Dario Meroni, Alex Bally, Sandro Domeniconi.

Vitto Minore: I circoli locarnesi del jazz negli anni Sessanta e Settanta,
venerdì 6 ottobre 2006, La Fabbrica/Scuola di musica moderna, Losone.

I primi suoni, i primi ritmi di jazz risuonarono probabilmente in riva al Verbano con le orchestre ospiti delle sale da ballo di Ascona e Locarno.
Risulta sempre più difficile documentarne la presenza sia nei saloni degli alberghi sia nell'intimità familiare dei primi appassionati della nuova musica giunta dagli Stati Uniti. Si segnalano invece orchestre attive nei dancing e nei Kursaal nella pubblicazione del compianto Otto Flückiger e di Armin Büttner sulla leggendaria Lanigiro o quella sul pianista e leader Fred Böhler. Dai primordi degli anni Trenta e Quaranta, con IncontriJazz si è spostata l'attenzione sui primi musicisti locali e sulle associazioni di appassionati che misero passione ed entusiasmo nell'ascolto di dischi e nella pratica strumentale.
L'incontro, moderato da Aldo Sandmeier, ha puntato i riflettori sui due circoli attivi nella regione, l'uno negli anni Sessanta e l'altro negli anni Settanta. Ne hanno parlato Vitto Minore, organizzatore, e due chitarristi, Edwin Gujer, di Ascona, pioniere, con Pic Fontana, della chitarra jazz in Ticino, e Primo Mella, di Locarno, tuttora presente sulla scena musicale del Cantone. Alle testimonianze dei protagonisti si sono aggiunte quelle sonore raccolte in registrazioni col chitarrista Edwin Gujer.
Durante l'incontro, riservato al jazz detto moderno, si è rivolta attenzione anche alla Fracass New Orleans Jazz Band di Locarno, nata dall'iniziativa di François Lafranca e che fu negli anni Settanta una valida rappresentante del jazz tradizionale ticinese.
Dalla conversazione sono emersi i nomi di musicisti professionisti del presente nati al jazz nei decenni dei club locarnesi, in quel periodo di grande fermento.

Aldo Sandmeier, Edwin Gujer, Jazz Club Locarno 1950,
venerdì 19 ottobre 2007, La Fabbrica/ Scuola di musica moderna, Losone.

La Fabbrica di Losone ha ospitato una conversazione con ascolti musicali organizzata da IncontriJazz e dalla Scuola di musica moderna (Smum) sull'associazione di appassionati di jazz fondata a Locarno nell'autunno del 1950 e presieduta da Max Soldini.
La ricerca è stata presentata da Aldo Sandmeier e da Edwin Gujer, il chitarrista di Ascona, un veterano del jazz ticinese, vice presidente del sodalizio e membro del quartetto del pianista Alberto Armbruster ricordato per le jam session all'AlbergoTerminus di Muralto, la prima sede del club. Alcune testimonianze personali, i documenti conservati da Edwin Gujer (fotografie, annotazioni sulle conferenze, registrazioni sonore su nastro) e gli articoli di alcune annate de
L'Eco di Locarno firmati da Rolando Schrämmli hanno permesso di ricostruire le attività del Jazz Club Locarno e di individuare i musicisti locali, fra i quali un giovane Giorgio Gomelski, e ospiti giunti dalla Svizzera interna.
Si sono rilevate anche sorprendenti analogie nella regione di frontiera del Lago Maggiore fra Locarnese e Italia se si pensa che nel 1951 sorse il Circolo del jazz del Basso Verbano.

<< IncontriJazz (2004-2008)

Ai microfoni della RSI >>

Logo Schweizerische Eidgenossenschaft, 
Conféderation Suisse, Confederazione Svizzera, Confederaziun svizra


La Fonoteca nazionale svizzera fa parte della Biblioteca nazionale svizzera


© Fonoteca nazionale svizzera.
Tutti i diritti d'autore di questa pubblicazione elettronica sono riservati alla Fonoteca nazionale svizzera, Lugano. È vietato l'uso commerciale.
I contenuti pubblicati su supporto elettronico sono soggetti alla stessa regolamentazione in vigore per i testi stampati (LDA).
Per informazioni sul copyright e le norme di citazione: www.fonoteca.ch/copyright_it.htm

URL: